Regole del Texas Hold’em

Fra le regole che differenziano il Texas Hold’em dal gioco di poker classico, sicuramente quella principale è la regola che riguarda la posizione.

Le due posizioni di Blind, di buio, ovvero le due posizioni alla sinistra del dealer, il mazziere, vengono comunemente considerate sfavorevoli. Anche se è possibile passare sistematicamente quando si è in posizione di buio, questo comportamento causerebbe un immediato tentativo, da parte degli altri giocatori, di eliminarvi dal tavolo.

Le posizioni di buio, oltre ad essere sfavorevoli per la necessità di puntare al buio, sono ovviamente sfavorevoli anche perché, essendo i primi a parlare, non si conosce il comportamento degli altri giocatori e quindi non si ha modo di sapere quale sarà il loro gioco.

Dopo che i blind hanno puntato, vengono distribuite, a ciascun giocatore, le due carte personali. A questo punto deve parlare il terzo giocatore alla sinistra del dealer, che potrà scegliere se puntare, bussare o passare, o per meglio dire, se fare check oppure foldare.

I giocatori alla sua sinistra, in caso di rilancio, sono obbligati a vedere il rilancio o a rilanciare a loro volta per restare in gioco. In generale, quando un giocatore punta, gli altri giocatori hanno, per quella mano, solo la scelta di vedere il rilancio, di rilanciare a loro volta o passare la mano, ovvero foldare.

Se invece il giocatore alla sinistra dei blind ha bussato, anche gli altri giocatori possono bussare. Quando, in una mano, tutti i giocatori hanno fatto check o foldato, vengono mano dopo mano le carte comuni. Prima il flop, ovvero 3 carte, poi il river ed infine il turn.

Una volta scoperte tutte le carte comuni, i giocatori possono continuare con rilanci successivi, finiti i quali vengono scoperte le carte private e si conteggia il punto di ogni giocatore, considerando le due carte private e 3 delle carte sul tavolo.

In caso di parità di punteggio, il piatto viene diviso fra i giocatori che hanno fatto lo stesso punto.

 

Author: Webmaster

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *