Giochi di poker

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, il Poker non è un singolo gioco, ma un insieme di giochi, a volte anche molto diversi, che vengono chiamati specialità del Poker e che hanno anche nomi diversi tra di loro.

Ciascuna delle specialità di poker può avere una o più varianti, ma tutte le specialità possono essere giocate nella comune variante Limit, ovvero con limite di rilancio, o No Limit, ovvero senza alcun limite nei rilanci.

I giochi di poker si dividono normalmente in tre categorie: i community cards poker, caratterizzati dalla presenza sul tavolo di carte scoperte comuni ai giocatori, gli stud poker, in cui i giocatori ricevono le carte una alla volta, parte coperte e parte scoperte, ma non possono cambiarle, i draw poker, in cui i giocatori ricevono 5 o più carte coperte e possono cambiarle una o più volte.

Il Poker normalmente giocato in Italia e rappresentato in molti film, è la variante italiana del cosiddetto Poker Classico, una specialità che prevede l’utilizzo dell’intero mazzo di carte, levati i Jolly, e che prende il nome di Five Cards Draws. Questa specialità prevede la distribuzione di 5 carte a ciascun giocatore con la possibilità, eventualmente, di cambiare una o più carte. Come tuti i Draw Cards Poker, inclusi quelli diffusi con il video poker, questa specialità si avvicina molto di più al gioco di fortuna che non allo spirito del Poker che è invece, fondamentalmente, un gioco di strategia.

Il Texas Hold’em e L’Omaha, specialità diventate molto popolari negli ultimi anni attraverso le trasmissioni televisive dei WSOP, i Tornei Open di Poker sportivo, riportano invece il Poker più vicino a quello che era lo spirito iniziale del gioco: scommessa si, ma basata principalmente sulla capacità dei giocatori. La fortuna ha il suo peso, ma la bravura di un giocatore sta proprio nel minimizzare l’influenza della fortuna sul gioco.

 

Author: Webmaster

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *