Facciamo chiarezza sull’RC auto

 

Assicurazione RC auto

Le assicurazioni RC auto sono cresciute enormemente in numero e in qualità, in particolar modo grazie ad internet la quantità di polizze assicurative riconosciute dall’Ivass (Istituto Vigilanza Assicurazioni) è tale da soddisfare adeguatamente ogni tipologia di richiesta.

Data una così grande offerta di soluzioni assicurative, avere una prospettiva completa di tutte le compagnie presenti oggi sul mercato è il primo passo per non compiere errori sulla scelta e la valutazione delle alternative. Ecco alcuni punti che è necessario conoscere, senza dimenticare le leggi in materia, mai troppo note e spesso volutamente taciute.

Online

Il fai da te in materia assicurativa non è eccessivamente rischioso, grazie alla grande mole di suggerimenti e servizi che ci offre la rete. Innanzitutto ricorrendo ai comparatori, ovvero siti che effettuano ricerche ad hoc in base alle nostre necessità e che ci permettono di valutare tutte le varianti che ogni singola compagnia può corrispondere. Questo è il caso ad esempio di mioassicuratore.it.

Cambiare spesso compagnia assicurativa è infatti il modo migliore per risparmiare percentuali considerevoli: le offerte temporanee o per nuovi clienti sono all’ordine del giorno e grazie all’abolizione del tacito rinnovo, dal 2013 sottoscrivere una polizza è ancora più veloce, in quanto è sufficiente attendere la scadenza del contratto per stipularne uno con una nuova società.

Le compagnie online, per di più, offrono premi assicurativi vantaggiosi. Esse non devono infatti sostenere spese derivanti dall’esercizio di intermediari ed agenzie, a tutto vantaggio del contraente finale.

Il chip del risparmio

La scatola nera: è questa la soluzione che da diversi anni le compagnie assicurative inseriscono fra le loro offerte. L’installazione di questo dispositivo GPS, per legge, comporta una riduzione del premio assicurativo finale.

Questo strumento permette infatti di tenere costantemente sotto controllo la modalità di guida dell’assicurato, e in caso di incidente garantisce sulle reali dinamiche del sinistro. La sua utilità riguarda anche la possibilità di rintracciare il veicolo in caso di furto, oppure di eludere pericolose frodi delle quali si può cadere vittima nella nostra quotidianità di automobilisti.

Il chip di questa black box per autovetture può avere (ed effettivamente ha) l’aria di una limitazione della nostra privacy, ma occorre sapere a proposito che i dati sono protetti e utilizzabili dalle compagnie sono in caso di necessità.

Per il neopatentato

Sei nuovo? Bene, paga di più. Questa è la dura legge che fino al 2007 vigeva nel mondo dell’RCA. Con la legge Bersani (legge n. 40/2007) non è più così, ecco perché.

Un padre virtuoso avrà necessariamente un figlio virtuoso? Non sempre è vero, ma lo Stato dà la sua fiducia a priori. E così, un neopatentato acquisisce il diritto di ereditare la classe di merito di uno qualsiasi dei componenti del suo nucleo familiare, in modo da non dover necessariamente partire dalla classe più bassa. Attenzione però, la compagnia che stipula la polizza a questo punto assegnerà una classe di merito ereditata, cui corrisponde un costo leggermente maggiore rispetto ad una classe di merito naturale. La convenienza andrà quindi valutata caso per caso, ma si tratta di una bella opportunità se siete guidatori meritevoli.

Author: Webmaster

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *